Rosso di Contrada
Don Pasquale

Vino legato ad affetti familiari, ottenuto da un vigneto di mezzo ettaro, esposto a Nord, su terra bianca calcarea, con una buona presenza di scheletro (roccia). Siamo a 70mt slm e l’esposizione a Nord conferisce a questo vino, notevole freschezza che gli dà uno slancio verticale nella piacevolezza del suo frutto, spesso accompagnato da note quasi salmastre. Vino con meno di 10mg/lt di SO2 autoprodotta. Fermenta in acciaio per venti giorni, matura in vasca sino alla primavera successiva, per poi affinare in bottiglia per almeno sei mesi.


Territorio - Val di Noto, contrada Buonivini
Vitigno - Nero d'Avola
Suolo - Bianco Calcareo con tessitura fine
Estensione vigneto - 0,50 ha
Sistema di allevamento - Cordone Speronato bilaterale (6.000 viti ettaro)
Altezza sul livello del mare - 70 mt
Esposizione - Nord
Resa per ettaro - 45 qli/ha - 33hl/ha
Agricoltura - Biodinamica, senza diserbanti, senza trattamenti e/o concimazioni chimici e/o sintetici, trattamenti antiparassitari limitati a bassi dosaggi di zolfo di miniera e propoli; concimazioni limitate alle preparazioni biodinamiche, trinciato di potatura e sovescio di graminacee e leguminose.
Vinificazione - Con lieviti indigeni, lunga macerazione del mosto con le bucce
Filtrazione - No
Chiarifica - No
Maturazione - In acciaio, imbottigliato nella primavera successiva alla vendemmia
Produzione complessiva - Circa 1.500