Archimede

Nobile figlio di Siracusa, scienziato, inventore e matematico, diede lustro e fulgore alla nostra città. Il suo nome è da sempre legato alla meditazione e alla scienza.
Tutto è nato dall’acquisto di questo vigneto, vecchio alberello "impupato" di Nero d’Avola, su terreno calcareo esposto leggermente a Sud, con una densità di 7.000 viti/ha. Nel vigneto sono presenti molteplici varietà di alberi da frutta, dal melograno al sorbo all’albicocca e una grande palma, che anticamente serviva ad indicare la presenza di un pozzo. Le radici profonde di queste viti di oltre cinquant'anni di età, scavano nel sottosuolo conferendo concentrazione e ricchezza di elementi salmastri e minerali, dando a questo vino notevole ampiezza, con sfaccettature eleganti che lo distinguono in maniera netta da tutti gli altri vini da noi prodotti. Vinificato in acciaio, matura un anno prima di proseguire un lungo affinamento in bottiglia. Vino di carattere e personalità.


Territorio - Val di Noto, contrada Buonivini
Vitigno - Nero d'Avola
Suolo - Calcareo argilloso con tessitura fine e buona presenza di scheletro.
Estensione vigneto - 1,50 ha
Età vigne - Impiantate nel 1970
Sistema di allevamento - Alberello impupato Pachinese (7.000 viti ettaro)
Altezza sul livello del mare - 30 mt
Esposizione - Sud
Resa per ettaro - 26 qli – 17hl/ha
Agricoltura - Biodinamica, senza diserbanti, senza trattamenti e/o concimazioni chimici e/o sintetici, trattamenti antiparassitari limitati a bassi dosaggi di zolfo di miniera; concimazioni limitate alle preparazioni biodinamiche, trinciato di potatura e sovescio di graminacee e leguminose.
Vinificazione - Con lieviti indigeni, lunga macerazione del mosto con le bucce
Filtrazione - no
Chiarifica - no
Maturazione - In botte di ciliegio per 12 mesi
Produzione complessiva - Circa 3.000